Storia di un genitore Transessuale

Segnaliamo le iniziative sulla genitorialità trans* che vedono coinvolto Egon Botteghi, referente per la genitorialità transessuale della nostra associazione.

EgonGenitoriTrans

Quali sono le sfide per un genitore trans?” “Come si trasforma il rapporto con i figli?” Rispondere a queste domande attraverso le esperienze dirette di genitori trans, come Egon Botteghi, referente per la genitorialità t* dell’associazione Rete Genitori Rainbow.

L’appuntamento è per il 23 Maggio, alle ore 17,30, a Verona, presso il Laboratorio Paratodos, viale Venezia 51. L’incontro è organizzato dal Servizio Accoglienza Trans (SAT) Pink di Verona

A seguire, alle ore 21, sempre presso il Laboratorio Paratodos, lo spettacolo teatrale “Mi chiamo Egon. Diario di un uomo transessuale”, a cura di Laura Rossi ed Egon Botteghi.

EgonVerona

Egon è un uomo transessuale, madre di due figl*, che ha scritto, nell’anno che lo ha portato all’inizio della TOS, la terapia ormonale sostitutiva, un diario in cui ha registrato le sue paure, le sue inquietudini, la sua esaltazione per essersi riconosciuto, l’emozione per la nascita sociale dell’uomo che viveva dentro di lui, l’incontro con le teorie queer, le difficoltà burocratiche del percorso, l’ostilità del mondo esterno ma anche, spesso, del mondo interiore.

Ed è per raccontare la vera storia di una transizione FtM che nasce questo spettacolo, basato sul diario di Egon, uno spettacolo nato da un incontro e dalla volontà di un’attrice cisgender di parlare di transessualità, di esplorare l’inesplorato

Lo spettacolo “Mi chiamo Egon” debutterà sabato 16 maggio, a Pisa, al Teatro Rossi Aperto, in Piazza Carrara, alle ore 21,30.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.